Cafè de las Madres

La vera storia del tango argentino

Descrizione prodotto

La vera storia del tango argentino

 

Introduzione

Il Tango platense nasce tra il 1880 e il 1900 in un preciso contesto geografico, ovvero lo spazio compreso fra le due città che fiancheggiano l’estuario del Rio de la Plata: Buenos Aires (capitale dell’Argentina) e Montevideo (capitale dell’Uruguay).

Il Tango è il frutto di una ibridazione tra diverse popolazioni; nella sua creazione sono implicati almeno tre continenti: l’America, dove questo ballo è nato e si è sviluppato; l’Europa, con i suoi emigranti che stabilitisi nella realtà platense hanno contribuito fortemente alla sua creazione; l’Africa, che a livello ritmico ha influenzato molto la sua nascita.

Il Tango è un universo, di cui si è detto tanto o tutto, ma di cui pare resti sempre altro da dire. È un’emozione dalle tante facce che ha stimolato libri, cinema e teatro, che ha costruito un contenitore di metafore e racconti; nata da un crogiolo di razze, somiglia molto al jazz, che è filosofia del tempo (sempre perduto) e della solitudine (sempre ineluttabile).

Il Tango è un linguaggio, è un fenomeno vivo di cultura, che oltrepassa i confini della sua terra.

Nasce come ballo introverso, ballato tra uomini soli, poi danzato nei bassifondi di Buenos Aires “a dieci centesimi il giro compresa la dama” (Borges); infine guadagna i salotti europei dei primi del Novecento, in forme più eleganti e stilizzate.

Dire che è “un pensiero triste che si balla” (frase celebre di Enrique Santos Discépolo, paroliere di Carlos Gardel, il più fantasticato e amato tra i cantori del Tango), non ne esaurisce la ricchezza di senso. La miscela esplosiva del Tango vive di elementi, anche molto distanti tra loro, pronti a fondersi in suo nome. A questo proposito vorrei citare lo scrittore Ernesto Sabato il quale, nella prefazione del libro “Il Tango” (Garzanti) di Horacio Salas, scrive: “La crescita violenta e tumultuosa di Buenos Aires, l’arrivo di milioni di esseri umani pieni di speranze e la loro quasi invariabile frustrazione, la nostalgia della patria lontana, il risentimento dei nativi contro l’invasione degli immigrati, la sensazione di insicurezza e di fragilità in un mondo che si trasforma vertiginosa-mente, l’impossibilità di dare un senso sicuro all’esistenza, la mancanza di gerarchie assolute, tutto ciò si manifesta nella metafisica “tanghistica”. Ballo ibrido di gente ibrida, il Tango si nutre di attriti e vittimismi. Le sue canzoni celebrano l’ombra del non detto, la malinconia di cose perse e lontane, le sfumature dell’indecisione come scelta. Non a caso il suo sigillo musicale è il bandoneon, strumento dal suono denso e dal fraseggio frammentario, il cui pianto lancinante influenza molto il modo di cantare. Il Tango si alimenta di tristezza. Ogni felicità, ci insegnano i poeti del Tango, è per definizione effimera, illusoria, beffarda: più che mai quella amorosa. Per riuscire ad entrare almeno un po’ nell’universo Tango occorre liberarsi dagli stereotipi che circondano questo ballo quali: rosa rossa in bocca, casquet e acrobazie varie, capelli impomatati ma soprattutto: Tango uguale Eros. È importante, nel Tango come in moltissime altre cose, cercare di evitare di affibbiare etichette che tendono a ridurre e limitare. Il Tango è una filosofia, un modo di vivere, una “malattia” per alcuni. In Italia è un po’ più complicato che in Argentina convivere con questa “malattia”: in effetti non ci sono moltissime sale dove si balla il vero Tango platense ovvero il Tango-milonga (anche se in questi anni c’è stata una riscoperta del Tango ballato). Il Tango in Europa è quasi esclusivamente ballo, la musica conta poco, basti pensare al fatto che nei negozi di musica difficilmente troviamo una sezione dedicata al Tango, occorre cercare nel “jazz”, nella “musica etnica” o nella “musica latina”. Per comprendere il Tango occorre invece studiare il globale: musica, ballo, cultura.; perché come tutti i fenomeni, non si può credere di conoscere l’insieme conoscendo, seppur nei minimi dettagli, solo un particolare. 2 Il Tango in Italia si può conoscere, apprezzare, vivere, amare; ma solo nei paesi in cui è nato il Tango si trasforma da ballo e musica in cultura vera e propria; e se è possibile comprendere una cultura diversa da quella di appartenenza, è però impossibile che essa diventi nostra del tutto, che si compia cioè quel salto che da amanti, ci faccia esserne parte. Le Origini Non è semplice risalire all’origine del Tango, la difficoltà sta soprattutto nel riuscire a delineare il momento in cui è nato questo nuovo ballo, anche perché sicuramente esso è il frutto di una ibridazione che vede coinvolte danze, linee melodiche e ritmi differenti. È per questo motivo che le tesi, riguardanti la nascita di questo ballo, sono varie e particolarmente differenziate. Queste tesi concordano comunque sul fatto che il Tango nasce verso la fine dell’Ottocento nei sobborghi di Buenos Aires e che tra i suoi precursori ci sarebbero state l’Habanera e la Milonga, le cui origini non sono comunque facili da stabilire a causa delle diverse correnti di pensiero che la fanno discendere dal Candombe, ritmo ballato dai neri montevideani nelle loro riunioni danzanti; oppure invenzione dei compadritos o degli orilleros per prendersi gioco dei balli dei neri. Anche sull’origine dell’Habanera i musicologi non concordano: alcuni sostengono che essa sarebbe arrivata a Cuba direttamente dall’Africa con le navi degli schiavi; altri sostengono la tesi delle contaminazioni progressive dei balli della tradizione arabospagnola con la musica nera. Fatto sta che l’Habanera, partita come ballo popolare di Cuba si diffonde in tutto il mondo influenzando musicisti famosi come Georges Bizet, che inserisce una Habanera, ispirata a “La paloma” (composizione del 1840 di Sebastian de Iradier y Salaverri), nel I atto della Carmen. Sicuramente il Tango nasce dalla fusione di vari generi, sia a livello musicale sia coreografico; il problema sta nello scoprire quali tra i passi di queste danze ormai svanite nel nulla sono stati modificati e trasformati nei passi del Tango. La ricerca deve prendere avvio dalla particolare situazione storica, per arrivare a conoscere le sfaccettature e le qualità della sua popolazione, frutto di un metissage di genti sbarcate in Argentina a cercare fortuna. Verso il 1880 la classe dirigente argentina, considerando il vasto territorio e la scarsa densità di popolazione, decise di aprire le frontiere agli immigranti con la speranza di ricevere un contributo qualitativo nel mondo lavorativo. In realtà coloro che già nel loro paese erano ben inseriti non sentirono il bisogno di avventurarsi in una terra sconosciuta, meta invece allettante per tante persone che vivevano ai margini della società nella loro terra. L’Argentina per gli immigrati non si rivelò la “terra promessa” ed essi dovettero ben presto rinunciare ai loro sogni, 3 adattandosi a lavori più umili di quanto sperassero e accalcandosi alla periferia delle due città-porto più importanti: Buenos Aires e Montevideo. È per queste ragioni che il Tango è definibile come un prodotto di cultura meticcia, nato da una particolare fusione di generi provenienti da paesi diversi, nato dall’incontro di persone emigrate dal loro paese, sempre povere, spesso infelici e per questo nostalgiche. Il Tango nella sua musica, nelle sue parole e nei suoi movimenti riflette questo disagio. È evidente quindi che il Tango diventa la sintesi di più popolazioni, sintesi che rappresenta in sé anche la particolare situazione dell’Argentina e la sua cultura con i suoi personaggi particolari: in primis le figure maschili del Gaucho e del Compadre. Il Gaucho è una sorta di cow-boy, solitario, amante degli spazi aperti, male sopporta la città. Non gli mancano mai coltello e chitarra. Il Compadre è molto diverso dal Gaucho: ama la compagnia, si veste con eleganza, è fiero e arrogante; e allo stesso tempo la cultura e le origini degli immigrati più o meno integrati nel contesto socio-culturale argentino con il quale hanno fuso la loro tradizione. Molti di questi immigrati provenivano dall’Italia; ma alla creazione del Tango dobbiamo includere l’apporto di un altro continente: l’Africa e ciò risulta evidente quando si va ad indagare le origini del nome di questo ballo. Il nome del Tango Non è facile, se non quasi impossibile, riuscire a scoprire la vera origine della parola Tango. Essendo un ballo, una musica, un processo nel quale sono confluite diverse culture, ugualmente nella definizione confluiscono i dialetti e le lingue madri dalle quali essi derivano. In questa ricerca sull’origine della definizione è ricorrente trovare un allaccio all’Africa sia a livello di suono, in quanto molti balli e ritmi africani avevano una radice vicina a quella della parola tango, sia a livello di termini usati per posti o cose tipicamente africane, dalle quali potrebbe in qualche modo aver preso il nome il Tango delle origini, non per ultimo lo strumento “tamburo” onnipresente nella musica nera, scomparso forse nella fusione. Infine, anche se accettata da pochi, c’è la tesi sull’origine della parola dal latino “tangere” ovvero “toccare”. Evoluzione e diffusione Il Tango nasce come ballo popolare, amato dal popolo e snobbato dalle classi sociali più elevate. Trova la sua espressione nel contesto delle feste popolari fino a che non viene scoperto, esportato in Europa, modificato e quindi riportato nei suoi luoghi di origine. Una leggera evoluzione si ha agli inizi del ‘900, pur non toccando ancora gli strati alti della popolazione, il Tango si diffonde nei locali dove inevitabilmente assieme ai popolani ballavano anche piccoli e medi borghesi. Il periodo dal 1900 al 1915-20 è detto “Guardia vieja”; è l’epoca in cui il Tango comincia ad essere amato, a trovare la sua identità, a liberarsi dall’etichetta di popolare per diventare nazionale, quel nazionale che ben presto si trasformerà in internazionale. Tra i 4 personaggi più significativi di questo periodo il più importante è sicuramente Angel Villoldo, uomo eclettico: compositore, cantante, musicista; ha lasciato canzoni ancora tra le più ballate al mondo come “El Choclo” e “La Morocha”. È proprio Villoldo uno dei “responsabili” dell’esportazione del Tango all’estero, in maniera particolare in Europa, dove, assieme a Alfredo Gobbi e sua moglie Flora Rodriguez, fa conoscere il Tango. Parigi diventa la seconda patria del Tango, che “depurato” un po’ da quelle figure che richiamavano contenuti decisamente sensuali diventa un ballo amato anche dalla gente chic. In effetti, a Parigi il Tango subisce dei cambiamenti di passi e di parte della struttura originale, soprattutto a livello tecnico, viene, infatti, a mancare quasi del tutto l’improvvisazione tipica del Tango, così diversa dai balli codificati e piuttosto standardizzati presenti fino ad allora, e viene limitata la carica sensuale, per renderlo più “europeo”, più facilmente inseribile nel contesto parigino. Le polemiche comunque restano, per questo ballo così diverso, dove la coppia si incontra e si scontra in un intreccio che sembra dover mimare il rapporto amoroso. Ma le polemiche non riescono certo a bloccare la sua diffusione in tutto il mondo, dove ben presto personaggi famosi diventano ballerini provetti. Il Tango torna in Argentina con le modifiche apportate a Parigi e diventa un prodotto adatto anche alle persone “perbene”, non più ballo da poveri, da feste popolari, ma danza riconosciuta e degna di spazi idonei e di sale da ballo. Negli anni ’20, anni d’oro per l’Argentina, il Tango vive un momento magico soprattutto nel suo paese, momento che si interrompe però nel 1930, con un colpo di stato. Negli anni ’40 subisce di nuovo una flessione e viene considerato prerogativa della massa e per questo disprezzato dalla borghesia; fino all’avvento de l’ “avanguardia” con Astor Piazzolla, rappresentante primo e simbolo di un tango nuovo e molto amato. Oggi il Tango è il fenomeno culturale più vasto che l’America latina sia mai riuscita ad esportare nel mondo. Il Tango come danza, ma anche la sua musica, riescono ad attirare ancora moltissime persone; ed è sicuramente questo il motivo per cui viene molto usato, e non solo al cinema o a teatro, ma anche nei locali (molti organizzano serate danzanti dedicate al Tango) e, cosa molto recente, nelle piazze, dove scuole di ballo si esibiscono coinvolgendo il pubblico, affascinato da questa danza calda e sensuale e dalla sua musica piena di sentimento. 5 Tango e cinema Tango e cinema si sono evoluti in maniera quasi contemporanea, per questo forse moltissimi film hanno dato a questa danza un posto centrale. Il periodo in cui nasce il cinema è quello in cui il Tango comincia ad affascinare le masse, e non solo in Argentina ma in tutto il mondo. I primi film erano muti ma per girarli si usavano cantanti di Tango (nel 1916 debutta Carlos Gardel con Flor de durazno); più tardi le sale cinematografiche si attrezzarono per assicurare il suono con degli artisti (pianisti, cantanti) realmente presenti in sala, per cui si creava una sorta di concerto. Dal 1924 in poi (fino all’avvento del sonoro) nelle sale di proiezione erano presenti vere e proprie orchestre. Tutte le grandi orchestre dell’epoca suonarono nei cinema di Buenos Aires. I primi film sonori sul Tango sono del 1930-1931. Inizialmente questi film somigliavano molto come struttura ai film muti; pochi anni più tardi si cominciarono a creare delle storie, introducendo le canzoni da far conoscere al pubblico (un po’ come succedeva in Italia negli anni ’60 per i cantanti più in voga). Con questi film si fa conoscere alle persone la storia del Tango, dei suoi protagonisti e i moti dell’animo che questa danza e la sua musica riescono a liberare ed esplicare. Quando questo genere di rappresentazione ha perso vitalità, c’è stato un cambiamento sostanziale per il binomio Tango-cinema. Non più l’uso del cinema per far conoscere il Tango, ma il Tango come colonna sonora per il cinema. Molti sono i film che hanno usato tanghi più o meno famosi nella colonna sonora. Lo stesso Piazzolla ha composto varie musiche per film. Ai giorni nostri si può ricordare Ultimo tango a Parigi, film del 1972 di Bernardo Bertolucci, con colonna sonora di tanghi di Gato Barbieri, sassofonista di origine argentina. In questo film va anche sottolineata la figura del protagonista: Paul (interpretato da Marlon Brando) molto vicino ai personaggi cantati nel Tango: è arrogante, diffidente, afflitto. A livello di rappresentazione ballata di Tango possiamo citare: Indocina del 1991 con Cathérine Deneuve che balla con Linh Dan Pham un Tango di stampo british; o ancora Scent of woman, dove Al Pacino (che impersona un ufficiale diventato cieco per un incidente) danza “Por una cabeza” con una ragazza che ignora la sua menomazione e risponde alla paura di lei (che non ha mai ballato il Tango) di sbagliare: “Il Tango è più facile della vita: anche se sbagli, continui a ballarlo”. Anche in Schindler’s list di Stephen Spielberg del 1993, e ne Il postino di Michael Radford (con Troisi che impersona il postino e Philippe Noiret che è Pablo Neruda) ci sono accenni di ballo e musiche di Tango. Del 1996 Evita di Alan Parker, con Madonna e Antonio Banderas; ricco di musica, storia (è la vera storia di Eva Duarte de Perón) e danza. Più recenti Lezioni di tango di Sally Potter, e Tango di Carlos Saura. 6 Dal film Lezioni di Tango di Sally Potter (GB/Argentina/Giappone/Olanda, 1997) Protagonisti: Sally Potter, Pablo Veron Dal film Tango di Carlos Saura (Spagna 1998) Protagonisti: Miguel Angel, Mia Maestro, Cecilia Nerova 7 La Musica del Tango Argentino Anche dal punto di vista musicale, il Tango nasce verso il 1880, da una compenetrazione di ritmi e musiche diverse che incontratesi in quest’unico contesto daranno luogo ad un fenomeno nuovo e senza tempo. I primi tanghi venivano suonati per le strade da piccole orchestrine ambulanti, di solito terzetti, che usavano come strumenti: flauto, chitarra e violino, facilmente trasportabili e adatti alla musica di strada. Il loro era un tango improvvisato, non seguivano uno spartito ma creavano attingendo dalla memoria dei canti popolari e creando sintesi inedite tra le musiche dei loro paesi e quelle della tradizione argentina e platense. In seguito al Tango della “vecchia guardia” improvvisato e suonato nei sobborghi e per le strade, si sviluppa un nuovo tipo di Tango che si fa strada nei locali frequentati dai ricchi restando allo stesso tempo patrimonio dei poveri; è qui che il Tango tende in parte a perdere la sua inflessione divertente, giocosa, per diventare più triste. Va notata la progressiva introduzione di diversi strumenti, semplici e legati alla tradizione: la chitarra, molto in uso fra i criollos, il violino, il flauto, il clarinetto e l’arpa diatonica, caratteristica degli indios paraguayani. Talvolta compare anche il mandolino, strumento che testimonia il forte apporto italiano alla nascita della musica Tango. Questi strumenti contribuivano a dare al Tango una inflessione divertente e giocosa. Tutto tende a cambiare con l’avvento di due strumenti che hanno fatto la storia di questa musica: il pianoforte e il bandoneon. Essi vengono incorporati alle orchestre nei primi anni del Novecento, contribuendo a spostare definitivamente le orchestre dalla strada ai locali. Il pianoforte, soprattutto, è anche un simbolo della scalata sociale del Tango in questo periodo; la sua funzione nell’orchestra è quella di fare da base ritmica. Compito invece della fisarmonica prima e in seguito del bandoneon, è quello di dare al tango un suono più lento e grave che sostituisce le note allegre del flauto che scompare. Il bandoneon resterà per sempre nelle orchestre di Tango diventandone il rappresentante più particolare e tipico. Struttura melodica Il tempo è 2/4. Due battiti per tempo; sia il primo sia il secondo battito sono accentati. Per quanto concerne la velocità, la musica dovrebbe essere suonata a circa 32 battute al 8 minuto. La base ritmica è: lento, lento, veloce, veloce. Dato che la musica Tango è in 2/4, ogni lento ha solo un battito musicale ed ogni veloce un mezzo battito. Una caratteristica che distingue il Tango da altre musiche è la sua inflessione verso il minore, che lo rende triste e malinconico ma anche pieno di sentimento. L’evoluzione della struttura melodica si lega inscindibilmente a quella dei suoi strumenti e ai luoghi dove essa si sviluppa. Si passa quindi da un Tango dei sobborghi (vecchia guardia), ad un nuovo Tango (nuova guardia) dove si affaccia il Tango-canzone, con la sua poesia. Tutto ciò dà luogo a tre stili fondamentali: – Tango milonga – Tango cançion – Tango strumentale. Il Tango milonga è quello più adatto al ballo e prende origine dalla milonga vera e propria, della quale, in fondo, ritmicamente è una modifica. Nel Tango cançion in particolare, le parole sono fondamentali e danno significato alla musica. In effetti in America Latina, Tango è sinonimo di canzone più che di ballo, perché è la canzone con le sue parole che evidenzia i luoghi, i personaggi e soprattutto dà voce ai sentimenti. Nei Tanghi cançion della primissima ora riusciamo a trovare i personaggi tipici che costituiscono il mito del Tango. Sono quei personaggi che vivono nei quartieri bassi: contadini, furfanti, malfattori. Essi sono parte della tradizione locale e come tali vengono cantati dagli immigrati per integrarsi. I temi dei Tanghi ripercorrono la storia della cultura locale ma toccano anche, soprattutto più avanti, questioni universali: l’amore e le sue vicissitudini, le donne, la solitudine. Le parole del Tango sono spesso paragonabili a poesie, per la loro carica espressiva, l’emozione che danno, la cura con cui sono scelte le parole. Una specificità del Tango cançion è l’uso di una lingua particolare ovvero il lunfardo; questa lingua, nata con molta probabilità come gergo per non farsi capire soprattutto dalla polizia, attinge termini da diverse lingue ma in maniera preponderante dai dialetti italiani; esso diventerà la nuova lingua degli immigrati, del porteño che cerca di sopravvivere ad una realtà di stenti, delusioni, malinconie. La cosa più strana del lunfardo è però il fatto che non è una lingua nata dalla fusione di altre, ma utilizza i termini di queste lingue storpiandoli, o meglio usando una metatesi (spostamento dell’ordine delle sillabe). Ovviamente le parole devono avere almeno due sillabe e per entrare a far parte di questo vocabolario devono essere scorrevoli. Tra le più frequenti, sono da annoverare: gongri (gringo), choma (macho), tovén (vento, denaro), colo (loco, pazzo), gomìa (amigo), troesma (maestro, per antonomasia Gardel) e, naturalmente gotàn (tango) Temi ricorrenti: i luoghi Luoghi intesi come posti, locali in cui il Tango si è sviluppato, quindi bar, caffè, dove si beve il primo bicchiere, si fuma la prima sigaretta, si piange la prima delusione; proprio come in Cafetin de Buenos Aires, dove Discepolo canta tutto il suo pessimismo. 9 Oltre ai bar e caffè i luoghi rievocati, ci sono anche quelli scomparsi, quartieri di un’infanzia perduta che mai potrà tornare; significativa a questo proposito la famosissima Mi Buenos Aires Querido cantata dal mito del Tango Carlos Gardel. 10 Mi Buenos Aires querido Parole : Alfredo Le Pera Musica : Carlos Gardel 1933 Mi Buenos Aires querido, cuando yo te vuelva a ver, no habrá más penas ni olvido. El farolito de la calle en que nací Fue centinela de mis promesas de amor Bajo su quieta lucecita yo la ví A mi pebeta, luminosa como un sol. Hoy, que la suerte quiere que te Vuelva a ver, ciudad porteña de mi único querer, y oigo la queja de un bandoneón, dentro del pecho pide rienda el corazón. Mi Buenos Aires, tierra querida d’onde mi vida terminaré Bajo tu amparo No hay desengaños, vuelan los años, se olvida el dolor… En caravana Los recuerdos pasan Con una estela Dulce de emoción. Quiero que sepas Que al evocarte Se van las penas Del corazón La ventanita de mi calle de arrabal Donde sonríe una muchachita en flor Quiero de nuevo yo volver a contemplar Aquellos ojos que acarician al mirar. En la cortada más maleva una canción Dice su ruego de coraje y de pasión, una promesa y un suspirar borró una lágrima de pena aquel cantar. Mi Buenos Aires querido, cuando yo te vuelva a ver, no habrá más penas ni olvido. Mia cara Buenos Aires Mia cara Buenos Aires, quando ti rivedrò, non ci saranno più pene né oblii. Il lampioncino della strada in cui nacqui Fu il guardiano delle mie promesse d’amore Sotto la sua quieta luce io vidi La mia ragazza, luminosa come il sole. Oggi, che la fortuna vuole che Ti riveda, città porteña del mio unico amore, e ascolto il lamento di un bandoneón, dentro il petto il cuore chiede spazio. Mia Buenos Aires, terra cara, dove finirò la mia vita. Sotto la tua protezione Non ci sono delusioni, gli anni volano, il dolore si dimentica… Come una carovana I ricordi passano Con una scia Dolce di emozione. Voglio che tu sappia che mentre ti evoco le pene vanno via dal cuore. La finestrella della mia strada di periferia Da dove sorride una ragazzina in fiore Voglio ancora ritornare a contemplare Quegli occhi che ti accarezzano nel guardare. Nella stradina più balorda, una canzone Dice la sua preghiera di coraggio e di passione, una promessa e un sospiro e quel canto cancellò una lacrima di pena. Mia cara Buenos Aires Quando ti rivedrò, non ci saranno più pene né oblii. 11 12 Temi ricorrenti: i sentimenti Le emozioni e i sentimenti sono alla base del momento Tango e come tali sono presenti in moltissime canzoni con le loro molteplici sfaccettature. Il Tango per il cantante, il ballerino, il musicista, può essere amore, sofferenza, rabbia, gelosia, abbandono; può essere gioia di vivere quando si è felici, malinconia quando si è tristi, ma è comunque un canale per trasmettere ciò che abbiamo dentro, cose intime spesso impossibili da comunicare in altri modi. In questo il Tango può veramente aiutarci fungendo da “terapia” per la coppia, ma anche per il nostro io. È forse questa una delle armi che ha permesso le diffusione mondiale del Tango. I sentimenti sono più spesso quelli malinconici legati alla tristezza, all’abbandono, alla perdita; perdita non solo dell’amore ma anche dell’amicizia, abbandono non solo della persona amata ma anche del paese di origine, delle tradizioni, della casa, oppure tutto in una volta come nella triste Adios muchachos: 13 Adios muchachos Parole: Cesar Felipe Vedani Musica: Julio Cesar A.Sanders,1927 Adiós muchachos, compañeros de mi vida, Barra querida de aqellos tiempos; me toca a mì emprender la retirada, debo alejarme de mi buena muchachada… Adios muchachos, ya me voy Y me resigno; contra el Destino nadie la talla … se terinaron para mi todas las farras, mi cuerpo enfermo no resiste más. Acuden a mi mente Recuerdos de otros tiempos, de los bellos momentos que antaños disfruté cerquita de mi madre, santa viejita, y de mi noviecita que tanto idolatré. ¿ se aciuerdan, que era hermosa, más bella que una diosa, y que ebrio yo de amor le di mi corazón ? ¡ Mas el Señor , celoso de sus encantos, hundiéndome en el llanto se la llevó! Es Dios el juez supremo, no hay quien se le resista; ya estoy acostumbrado su Ley a respestar, pues de mi vida deshizo con sus mandatos, llevándose a mi madre y a mi novia también… dos lágrimas sinceras derramo en mi partida por la barra querida que nunca me olvidó; y al darle a mis amigos mi adiós postrero, les doy con toda mi alma mi bendición. Addio ragazzi Addio ragazzi, compagni della mia vita, caro gruppo di quei tempi; oggi tocca a me ritirarmi, devo allontanarmi dai miei buoni amici… Addio ragazzi, me ne vado e Mi rassegno, contro il destino nessuno la vince… per me sono finite tutte le baldorie, il mio corpo malato non resiste più. Emergono nella mia mente Ricordi di altri tempi, dei bei momenti che vissi nel passato vicino a mia madre, santa vecchina, e della mia fidanzatina che tanto idolatrai. Vi ricordate quanto era bella, più bella di una dea, e io, ubriaco d’amore, le diedi il mio cuore? Eppure il signore, geloso Delle sue bellezze, sprofondandomi nel pianto se la portò via! Dio è il giudice supremo, nessuno gli può resistere; sono già abituato a rispettare la sua legge, perché distrusse la sua vita con i suoi mandati, portandosi via mia madre e anche la mia fidanzata… due lacrime sincere spargo nella mia dipartita, per il caro gruppo di ragazzi che mai si dimenticò di me e nel dare ai miei amici l’ultimo addio, do loro, con tutta la mia anima, la mia benedizione. 14 15 Temi ricorrenti: l’amore Come non parlare dell’amore? Amore non sempre felice, ma non per questo meno degno di essere vissuto. Amore intenso e pieno di poesia come nella triste Naranjo en flor: Naranjo en flor Parole: Homero Expósito Musica: Virgilio Exposito, 1944 Era más blanda que el agua, que el agua blanda. Era más fresca que el río, naranjo en flor, y en esa calle de hastío, calle perdida, dejó un pedazo de vida y se marchó. Primero hay que saber sufrir, después amar, después partir, al fin andar sin pensamiento. Perfume de naranjo en flor: promesas vanas de un amor que se escaparon en el viento. Después, ¿qué importa el después? Toda mi vida es el ayer Que me detiene en el pasado, eterna y vieja juventud que me ha dejado acobardado como un pájaro sin luz. ¿Qué le habrán hecho mis manos, qué le habrán hecho, para dejarme en el pecho tanto dolor? Dolor de vieja arboleda, canción de esquina con un pedazo de vida, naranjo en flor. Arancio in fiore Era più morbida dell’acqua, dell’acqua morbida. Era più fresca del fiume, arancio in fiore, e in quella strada di noia, strada perduta, lasciò un pezzo di vita e se ne andò via. Prima bisogna saper soffrire, poi amare, poi partire, e infine andarsene senza pensiero. Profumo di arancio in fiore: vane promesse di un amore che fuggirono nel vento. E dopo, cosa importa il dopo? Tutta la mia vita è il tempo di ieri Che mi trattiene nel passato, eterna e vecchia giovinezza, che mi ha lasciato impaurito come un uccello senza luce. Cosa le ho fatto con queste mie mani, cosa le ho fatto, da lasciarmi nel petto tanto dolore? Dolore di vecchio filare, canzone di strada con un pezzo di vita, arancio in fiore. 16 Temi ricorrenti: le donne Pur essendo esistite cantanti di tango donne, esse si sono adattate a cantare Tanghi con testi da uomo. Le donne, nei testi, sono croce e delizia dell’uomo, spesso se ne parla male, definendole traditrici e terribili, ma in fondo senza di loro il mondo non può andare avanti e questo l’uomo lo capisce. In Malena Homero Manzi canta una donna, anch’essa cantante di Tango, e la descrive con struggente malinconia. Donna significa anche mamma. Ma la mamma al contrario dell’amante non tradisce, non abbandona, ma anzi riesce a confortare il figlio nei momenti più brutti della sua vita. È l’unica vera, onesta, pura e degna donna che può stare nel cuore dell’uomo tanguero. La Cumparsita Tra i Tanghi più conosciuti al mondo troviamo La Cumparsita, che già dal nome indica il miscuglio di razze e di culture che fanno parte del Tango. “Cumparsita” non è un termine spagnolo ma più probabilmente è ripresa dal dialetto siciliano, dove al posto di comparsa si usa cumparsa. Nel carnevale del Tango c’è questa “comparsa” (qui si usa il diminutivo) che è una figura tipica. Gerardo Matos Rodríguez, nel 1915, si ispirò proprio a questa figura per comporre una marcetta orecchiabile per la festa di fine anno della facoltà di “Arquitectura” (che come tutte le altre facoltà aveva una canzone di fine anno). L’anno dopo gli studenti affidarono a Roberto Firpo il compito di dare alla marcetta una veste di Tango. Nasce così nel 1916 una delle canzoni più amate e cantate della tradizione. Evidente anche in questa canzone il ruolo consolatore della madre, unico personaggio con connotazioni positive presente in questo testo di stampo fortemente pessimistico. La Cumparsita Parole e musica: Gerardo Matos Rodríguez La Cumparsa de miserias sin fin desfila, en torno de aquel ser enfermo, que pronto ha de morir de pena. Por eso es que en su lecho solloza acongojado, recordando el pasado que lo hace padecer. La Cumparsita La sfilata di carnevale, miseria senza fine sfila intorno a quel malato che presto morirà di dolore. Perciò nel suo letto singhiozza afflitto ricordando il passato che lo fa soffrire. 17 Abandonó a su viejita. Que quedó desamparada. Y loco de pasión, ciego de amor, corrió tras de su amada, que era linda, era hechicera, de lujuria era una flor, que burló su querer hasta que se cansó y por otro lo dejó. Largo tiempo después, cayó al hogar materno. Para poder curar su enfermo y herido corazón. Y supo que su viejita santa, la que él había dejado, el invierno pasado de frío se murió Hoy ya solo abandonado, a lo triste de su suerte, ansioso espera la muerte, que bien pronto ha de llegar. Y entre la triste frialdad que lenta invade el corazón sintió la cruda sensación de su maldad. Entre sombras se le oye respirar sufriente, al que antes de morir sonríe, porque una dulce paz le llega. Sintió que desde el cielo la madrecita buena mitigando sus penas sus culpas perdonó. Abbandonò la sua vecchietta che rimase derelitta e pazzo di passione cieco d’amore corse dietro la sua amata che era bella e incantatrice un fiore di lussuria che burlò il suo affetto finché si stancò lasciandolo per un altro. Tempo dopo giunse al focolar materno per poter curare l’infermo ferito suo cuore, e seppe che la sua vecchietta santa, colei che aveva lasciato l’inverno scorso di freddo morì. Oggi ormai solo, abbandonato alla tristezza della sua sorte ansioso spera la morte che ben presto arriverà. E fra la triste freddezza che lenta invade il cuore sentì la cruda sensazione della propria cattiveria. Fra le ombre si sente respirare sofferente colui che prima di morire sorride perché una dolce pace gli arriva sentì che dal cielo la mammina buona mitigando le sue pene, la colpa perdonò. 18 19 I personaggi Musicisti e cantanti Non si può parlare di musica senza accennare a quelli che sono stati i personaggi più significativi del Tango-canzone. Sono musicisti, cantanti, orchestrali, persone che hanno fatto del Tango una filosofia di vita, persone che hanno fatto del Tango la storia. Partiamo con il mito del Tango platense: Carlos Gardel. La contesa sul luogo della sua nascita è ancora aperta; non si sa come sia potuto verificarsi l’incidente che ne ha causato la morte; è morto giovane, e come si verifica spesso nel mondo dello spettacolo, è diventato un mito. È il cantante che più di tutti è rimasto nel cuore degli argentini. Inizia la sua carriera vera e propria nel 1917 quando incide per la prima volta un Tango, Mi noche triste. Una delle sue fortune è legata alla voce, particolarmente esaltata dalle tecniche di riproduzione del tempo, in più giocano a suo favore una simpatia innata e un corpo “costruito” per essere amato dalle donne, che in effetti lo amano e lo venerano, come gli uomini lo invidiano e ammirano. Molti i soprannomi che gli sono stati attribuiti. Nel 1925 inizia a comporre; nel 1930 è già una stella, nella canzone e anche nel cinema per il quale gira film con le sue canzoni: dieci cortometraggi, e nove film, negli studi della Paramount. Importante per la sua ascesa artistica Alfredo Le Pera, suo stretto collaboratore, paroliere e sceneggiatore di 20 molti suoi film, che morirà con lui in un incidente aereo nel 1935. Le Pera lo aiuterà a creare canzoni più internazionali abbandonando l’uso del lunfardo. La sua voce così bella e particolare rimarrà impressa nel cuore dei suoi estimatori, assieme alla sua figura scomparsa così tragicamente ai loro occhi. A testimonianza del fatto che Gardel è stato e sarà sempre un mito per il popolo argentino, nel cimitero dove è sepolto si trova un monumento in bronzo ad altezza naturale che lo rappresenta fedelmente, questa statua ha tutti i giorni un garofano rosso fresco in una mano e una sigaretta accesa nell’altra; chi compia tutti i giorni questo rituale non è ancora stato scoperto, certo è che “El zorzal criollo” è morto quasi settanta anni fa e non sono rimasti molti gli estimatori della sua epoca. Un posto particolare merita Alberto Castillo, soprannominato “El cantor de los 100 barrios porteños”, si laureò in ginecologia solo per far contento il padre, una volta laureato cominciò a cantare; simpatico anche se forse un po’ troppo legato alla politica, soprattutto al peronismo; Castillo ebbe il merito di rispolverare negli anni cinquanta il candombe, ritmo legato alle origini del Tango, e quello di vivere il Tango come genuino prodotto nazionale, per questo degno di essere esportato. Tra gli strumentisti, un riguardo particolare meritano Pugliese e Troilo. Osvaldo Pugliese (1905-1995) era un virtuoso del piano, inizia prestissimo ad esibirsi e cerca di formare la sua orchestra ideale. La sua bravura e particolarità sta nel cercare nuove possibilità espressive, cerca l’innovazione senza tralasciare il Tango originale; e vi riesce benissimo, nei suoi 70 anni di carriera riesce a portare una ventata d’aria nuova alla musica Tango. Anibal Troilo (1914-1975) inizia giovanissimo a suonare il bandoneon e ad esibirsi. Nella sua lunga carriera riuscì a circondarsi di musicisti eccezionali ma anche di ottimi cantanti. Riuscì bene a sposare il Tango-cançion con il ballo, cosa fino ad allora poco frequente; anch’egli opera una evoluzione musicale formidabile. Riassumendo quindi Troilo fu un ottimo bandoneonista, tra i suoi soprannomi infatti c’è ‘El 21 Rey del bandoneon’, uno scopritore di talenti e non per ultimo colui che seppe coniugare il tango cantato con il ballo. Conosciutissimo anche da chi di Tango non se ne intende molto, l’eclettico Astor Piazzolla (1921- 1994). Piazzolla aveva un carattere molto particolare, era polemico e provocatore un po’ come tutti i geni e, contrariamente a uno dei suoi predecessori, Troilo, cercò in tutti i modi di sciogliere la dipendenza della musica Tango dal ballo. La sua musica è rivoluzionaria, si distacca un po’ dalle novità apportate fino ad ora per tornare alla tradizione classica e tentare un riuscitissimo connubio con il jazz. Per queste ragioni viene criticato, osteggiato, ma allo stesso tempo e per le stesse ragioni viene da altri osannato e contribuisce alla riscoperta del Tango, anche quello ballato che lui proprio non amava, nel mondo; basti pensare ai film che hanno suoi pezzi nella colonna sonora, pubblicità che accompagnano due ballerini sulle note della sua immortale Libertango, a balletti o opere teatrali che sfruttano la dolce tristezza della voce del suo bandoneon. Le donne del Tango Un posto particolare lo meritano le donne del Tango. Per prima Eloisa d’Herbil, una precorritrice, nata nel 1842, morta a 101 anni. Colta e aristocratica, Eloisa nel 1872 si esibisce al teatro Colón con una habanera Vente a Buenos Ayres e compone diversi tanghi criollos (Che, no calotiés, Y a mí qué, Que sí que no). Nel 1889 scrive La Multa che anni dopo sarà ripresa da Villoldo. Tra le prime cantanti di Tango: Pepita Avellaneda (vero nome Josefa Calatti). Nel 1900 fa la sua comparsa nei teatri e nei cabaret con la chitarra e i vestiti da uomo. Dopo essere diventata una stella, scompare inspiegabilmente delle scene; muore in povertà a 67 anni. Importantissima per la diffusione del tango in Europa: Flora Rodríguez de Gobbi, moglie di Alfredo Gobbi con il quale partì nel 1903 insieme a Villoldo per una tournée in Europa, dove canta e registra i primi tanghi a parigi. Poche sono state le strumentiste del Tango, ma di sicuro va citata Francisca Bernardo, ‘La Paquita’ (1900-1925), la più grande bandoneonista donna di tutti i tempi. Proverbiale il trio che forma con un giovanissimo Pugliese al pianoforte e Vardaro come violinista. Voci rimaste celebri quelle di Tita Merello, prima attrice (protagonista di Filomena Marturano di De Filippo), quindi cantante di tanghi da Discepolo a ritratti di ragazze del sobborgo scritti per lei. Mercedes Simone, la migliore cantante della prima epoca, che per la voce, la spigliatezza e l’avvenenza, diventerà un vero pilastro del cinema argentino 22 degli anni Trenta. Libertad Lamarque, figlia di un anarchico, protagonista di una settantina di film e voce inconfondibile. Parolieri e poeti Dal 1917 a oggi le parole del Tango hanno sviluppato molteplici temi e si sono fatte spazio nella letteratura e nelle antologie. Di particolare importanza il padre del Tango: Angel Gregorio Villoldo (1868-1919). Ha scritto tanghi pittoreschi e satirici che offrono una autentica testimonianza dell’epoca e che sono stati i primi ad essere conosciuti in Europa: tra questi La Morocha e El Choclo. Altro paroliere conosciutissimo è Enrique Santos Discépolo (1901-1951), sua la celebre frase : “Il Tango è un pensiero triste che si balla”. Nessuno è riuscito meglio di lui ad esprimere il malessere del cosiddetto decennio infame (1930-1940); i suoi testi sono polemici e pieni di pessimismo, ma sono anche conosciuti a memoria da ogni argentino dell’epoca; tra i suoi componimenti basti ricordare: Cambalache, Uno, Yira yira e la già citata Cafetín de Buenos Aires. Indimenticabile il binomio artistico formato da Carlos Gardel e Alfredo Le Pera, durato solo tre anni ma fecondo (circa 28 i brani scritti). Impossibile sapere se sia stata la musica di Gardel a stimolare la fantasia di Le Pera o viceversa; i temi sono legati al tempo che scorre inevitabile e in generale alla condizione dell’uomo destinato a errare per il mondo. Non si può non citare Mi Buenos Aires querido, Por una cabeza, e Volver. Meritano una citazione Cátulo Castillo (1904-1976) poeta paroliere e musicista; suoi María, Tinta roja e A Homero. Homero Manzi (1907-1951) compositore di opere di rara bellezza: Malena, Sur e Barrio de Tango. Infine il più recente Horacio Ferrer (1933), fondatore della Academia Nacional del Tango, che formò con Piazzolla un fecondo binomio negli anni Sessanta: Balada para un loco e Balada para mi muerte restarono per mesi all’apice delle classifiche di vendita. La Danza Il Tango nasce come danza; creata dal popolo per trovare un’identità e superare le difficoltà dell’integrazione, per sentirsi parte di una nazione, diventa ben presto un ballo amato anche dai ricchi che inizialmente ne criticavano l’eccessiva disinvoltura. Nessuno riesce a sfuggire al richiamo della nuova danza, perché la danza è imitazione. Si dice danza di società, ma si intende danza di una certa società. “Quante cose ci sono in un minuetto!” scrivevano nel Settecento a proposito degli intrighi di corte, le famose relazioni pericolose perfezionate durante quei passi conversati. Più tardi altri videro nelle frenetiche piroette del valzer addirittura i riflessi dello spaesamento determinato dal Congresso di Vienna. Per non parlare dell’innocua furlana delle nostre parti o delle infinite forme che il folklore assume nelle diverse latitudini. La danza sociale dunque non solo rappresenta una società, ma ne ribadisce l’ordine e le gerarchie. 23 Quando invece comparve il Tango platense fu subito chiaro che quello che irrompeva nella storia non era un corpo sociale, ma il corpo soggettivo ed individuale, fatto di carne, sangue e desiderio. Dopo una prima fase dominata dalla sensualità, una specie di sorpresa di trovarsi abbracciati senza meditazioni, il Tango si è via via sviluppato in una miriade di stili, posizioni, figure e passi, ovvero in tutto un repertorio di variazioni sul tema dell’abbraccio. Il corpo dell’uomo e della donna, uniti, esprimono la necessità dell’abbraccio, la necessità di non rimanere soli, di scappare dai venti di guerra, dalla schiavitù, dalla miseria e dal dolore, dall’impotenza a cambiare il proprio destino. Nessun altro ballo al mondo ci tocca tanto in profondità quanto il Tango. Ci basta vederlo ballare bene e con sincerità una sola volta, per accorgerci che i ballerini hanno il nostro volto e che quelle figure sono in realtà le millenarie movenze della coppia umana. Le ragioni del successo planetario del Tango forse sono tutte qui, in questa sua capacità di far vibrare le corde più intime del nostro cuore. Per ballarlo non abbiamo bisogno di un corpo specializzato: il Tango ci accetta così come siamo. In questo più che in altri casi, troviamo una integrazione profonda di diversi fattori (vedi culture, stili di ballo, ritmi) che riescono a dare luogo ad un processo originale, che a sua volta saprà produrre intorno a sé altri fenomeni più o meno importanti, più o meno vasti (musica, letteratura, cultura). Delle sue origini già abbiamo parlato, qui si può cercare di analizzare il Tango partendo dal 1907, anno presunto delle prime vere esibizioni e ripercorrere le tappe che hanno determinato la sua evoluzione, fino a farlo diventare un vero e proprio fenomeno culturale. Il ritmo del Tango ha due caratteristiche particolari: – è fortemente cadenzato – ha una melodia non uniforme che è più spinta e meno spinta, nell’ambito di uno stesso brano: ciò comporta una accelerazione e decelerazione dei passi, in armonia con la musica. Le coreografie hanno dovuto tener conto, fin dall’inizio, dalla particolare struttura ritmica di questo ballo. Ciò spiega perché il Tango si è subito prestato a tante interpretazioni personali e perché, anche quando è stato codificato, ha dato origine a molte figure di varia lunghezza con caratteri stilistici diversificati. La posizione della coppia è nata sotto i migliori auspici: cavaliere e dama erano abbracciati strettamente, in modo tale che la dama potesse percepire i movimenti anche improvvisati del partner, i bruschi cambi di direzione, e farsi guidare senza problemi. Intuizione ed intesa erano virtù fondamentali. Non a caso, la donna nel Tango era chiamata seguidora : doveva saper seguire il cavaliere con leggerezza, eleganza e perizia. La vera sensualità di questo ballo consisteva, non tanto negli abbracci e negli intrecci delle gambe, come i benpensanti credevano; ma nell’intesa immediata, nella complicità totale e maliziosa, intuitiva ed istintiva, che nel silenzio si stabiliva fra i partners: una specie di intimità senza parole, una compenetrazione molto più profonda del semplice contatto fisico. Capitava di notare un uomo e una donna, mai vistisi prima, che riuscivano a formare una coppia perfetta di ballerini già alla prima prova. Uno dei luoghi comuni da sfatare riguardo al Tango è quello che lo definisce “maschilista”; con molta probabilità i primi Tanghi venivano ballati tra uomini, come testimoniano molte fotografie d’epoca, ma ciò era dovuto al fatto che di donne ce ne 24 erano poche e quasi nessuna era disposta a ballare con degli sconosciuti. Allora si può dire che il Tango è nato tra uomini e inizialmente ballato da uomini ma quelli stessi uomini non avrebbero rifiutato una presenza femminile in mezzo a loro. Anche la regola che spetta alla donna, invece che all’uomo, indietreggiare, può essere interpretata come “maschilista”, ma solo da chi non ha mai visto più coppie ballare assieme il Tango; in questo ballo infatti è l’uomo a guidare, spesso in spazi ristretti, se egli dovesse anche muoversi all’indietro senza poter vedere le altre coppie è facilmente intuibile la confusione che si verrebbe a creare. Infine la presunta passività della donna nel ballo; ella si fa sì guidare dall’uomo, ma questo avviene anche negli altri balli, e poi la donna è tutt’altro che passiva: deve ascoltare i segnali dell’uomo, comprenderli, interpretarli, e non deve certo essere trasportata dall’uomo ma avere una propria autonomia. Un ruolo fondamentale dunque, pari a quello dell’uomo, è vero infatti che se la donna non fosse importante per la dinamica della coppia, non ci sarebbe da parte dell’uomo la ricerca della ballerina più brava e tantomeno la contesa che avveniva intorno ad essa in tempi in cui di donne ve ne erano ben poche. Differenze tra il Tango e le altre danze Il Tango è una danza di coppia chiusa a figure. Anche in questo caso il Tango rappresenta una sintesi fra i balli di coppia, simili al valzer, e le danze a figure, ballate in gruppo, quali le contraddanze per esempio. Il Tango unisce in sé candombe, habanera e milonga (dalla quale prendono il nome le sale dove si balla il Tango: milongas), ognuna di esse apporta il proprio ritmo e le proprie differenze dai balli standard. La posizione di partenza e il fatto che sia l’uomo a guidare, sono forse le uniche analogie che possiamo individuare tra il Tango e le altre danze di coppia unita; infatti già il primo passo di ballo scopre la prima grande differenza a livello posturale: i ballerini formano tra loro una sorta di triangolo con i loro corpi, ovvero le gambe sono libere di muoversi mentre a livello del petto, al contrario dei balli standard, i ballerini sono uniti in un equilibrio quasi precario; il peso è spostato sugli avampiedi, “causando” il tipico passo scivolato. Un’altra differenza fondamentale riguarda la coreografia del Tango che risulta più complessa rispetto a quella simmetrico-parallela presente nel valzer. Il valzer, al contrario del Tango, si sviluppa con una sequenza continua di giri sempre uguali; nel Tango questo non può e non deve accadere, perché molto della sua bellezza sta nell’incredibile e infinita varietà di passi, e anche nell’alternarsi di vere e proprie pause di sospensione (cortes) e equilibri continui (quebrada). Il Tango è un ballo piuttosto complicato, non che gli altri balli siano semplici, ma di sicuro si riesce più velocemente ad imparare un solo passo piuttosto che una sequenza di passi sempre nuova e imprevedibile come quella del Tango, dove non esiste un “passo base” e dove molto, se non tutto, si gioca sull’imprevedibilità, sull’invenzione del momento. L’uomo crea nella sua mente una sequenza in base alla musica e la sviluppa 25 mammano, adeguandosi alle risposte della donna, creando ogni volta un Tango differente, irripetibile. Una delle differenze più evidenti è quella che nel Tango i ballerini possono invadere lo spazio del partner; l’abbraccio già presuppone una vicinanza massima fra i due, ma anche a livello delle gambe, non c’è una regola che li obbliga a non sfiorarsi, anzi ci sono dei passi che favoriscono questo intreccio di gambe molto coreografico. Infine anche il comportamento dei ballerini nella sala è diverso: si perde il convenzionale movimento antiorario ed è la donna a partire con il piede destro invece dell’uomo. 26 L’improvvisazione nel Tango Caratteristica fondamentale, l’improvvisazione è parte integrante di questo ballo; senza di essa non si balla, al limite si ripete una sequenza, un insieme di passi già visti; ma se il ballo è anche imitazione è bene comunque sottolineare che non è solo questo. È abbastanza semplice ad un occhio allenato riconoscere i ballerini principianti da quelli avanzati; questo perché di solito, mentre i primi si concentrano sui passi e sulle sequenze eseguendone di complicate, imparate provandole giorno e notte, e trascurando sia la dama che la musica; i secondi creano sulla musica, spesso si fermano come in una pausa di riflessione, altre volte danno spazio alla creazione della dama, in un gioco di coppia in cui regnano creatività e armonia. Ovviamente per seguire la musica e lasciarsi trasportare è essenziale possedere la tecnica, ma questo non significa che più passi si conoscono e si usano e migliore è il nostro Tango, in questo caso infatti la tecnica è legata al modo di interagire con il partner, di farsi capire senza parlare (anche perché sarebbe un sacrilegio), di usare l’intesa per giocare con l’improvvisazione. Spiegare l’improvvisazione risulterebbe alquanto complesso e in più forse svantaggioso; ciò che c’è da sapere è che essa è usata, nel Tango come in molte altre forme d’arte, per movimentare, per sperimentare, per stupire. Non più la partenza convenzionale del valzer, non più giri uguali tra loro, ma invenzione continua: questo è il Tango. Questo gioco splendido tra i ballerini, nel quale entrambi vivono in uno stato perenne di allerta, senza sapere che cosa sarà il dopo, li rende leggeri, liberi e pronti ad ogni possibilità. Allo stesso modo lo spettatore vive l’attesa: come la dama, non sa cosa farà l’uomo, e attende trepidante un segnale. Lo spettatore vive il Tango attraverso la coppia, per questo riesce a distinguere l’ “improvvisatore” dal principiante, che ha già la sua sequenza in testa indipendentemente dalla dama con cui balla, dalla musica su cui balla, dalla risposta che trova; perché il Tango è improvvisazione ma è anche ascolto. 27 L’ascolto: comunicare senza parole Nel Tango non si può parlare, ma questo non vuol dire che non si può comunicare. Se è vero che comunicare significa “condividere o trasmettere pensieri, sentimenti e simili, a livello profondo e in modo sincero” (N. Zingarelli, Vocabolario della lingua italiana), allora il Tango è veramente un modo straordinario di comunicare. Il suo è un tipo di comunicazione corporeo e diretto, che lo rende molto più sincero e attendibile rispetto alle parole. Il Tango è un linguaggio con cui esprimersi. Per chi balla valzer o polka la musica è un supporto ritmico, e la melodia un accompagnamento; un brano o un altro vedono i ballerini eseguire sempre gli stessi movimenti. Ma le melodie del Tango sono così ricche di differenti coloriture musicali, gli stili interpretativi e gli impasti strumentali così diversi, la poetica dei testi così mutevole, che passare da un brano all’altro (o anche da un esecutore all’altro dello stesso brano) significa entrare in una condizione emozionale nuova, ispirando un portamento e uno stile che non è mai lo stesso. Nelle scuole di Tango di Buenos Aires spesso il maestro assegna a ciascun allievo/a una condizione interiore (allegro, innamorato, indifferente, annoiato, arrabbiato…), quindi fa ballare tutti, dopodiché invita ciascuno a indovinare lo stato d’animo del partner con cui ha appena ballato: se molti hanno percepito l’emozione dell’altro significa che, al di là della correttezza tecnica dei passi, si è appreso quell’affascinante linguaggio che è il Tango, definito dai vecchi maestri ‘el idioma del brazo’ (il linguaggio dell’abbraccio). Lo scambio parte proprio dall’abbraccio, questo gesto così semplice eppure così difficile per noi europei che abbiamo perso quasi del tutto la “latinità”; e si protrae per tutta la durata del ballo attraverso il tatto (con la marcas, in cui l’uomo tocca la schiena della donna per indicarle la direzione) ma in maniera più sottile attraverso piccoli gesti, quasi insignificanti per noi profani di questo ballo. È un po’ come fra due innamorati: l’intesa data dall’amore fa sì che i due senza parlare riescano a comunicare sentimenti molto profondi; qui la magia del ballo prende il posto dell’amore e i due ballerini, che stiano ballando per la prima volta o che ballino insieme da anni, che non si conoscano per niente o che si amino alla follia comunicano amore per il ballo e gioia di vivere. Durante il ballo difficilmente si scioglie l’abbraccio, anche perché si andrebbe ad aggiungere una difficoltà ad un ballo già di per sé complesso; abbracciati è più facile sentire l’altro, anche nei movimenti quasi impercettibili che l’uomo deve considerare. È possibile che ci sia proprio il bisogno dell’abbraccio e della vicinanza, all’origine della riscoperta e del successo del Tango in alcuni paesi europei e non, e questo ci dovrebbe far riflettere su quanto stiamo sottovalutando l’importanza del contatto, che ci fa così paura, 28 ma che è un segno di umanità, e come tale non possiamo permettere che si perda nella giungla di fili del terzo millennio. Il momento Tango Imprevedibile, modulabile, interpretabile, il Tango si inventa ogni volta con un gioco di combinazioni, ma rimangono i particolari fondamentali quali: l’alternanza di “cortes” e “quebradas”, lo sguardo paragonato a quello dello stato di trance, la postura: busto eretto, appoggio dell’avampiede, passo scivolato e la concentrazione sull’esecuzione con l’uomo che guida sceglie e crea. Ciò che caratterizza il momento Tango è il fatto che ci sia un’esigenza dei ballerini di cambiare spesso partner. Questo è dovuto al fatto che ogni persona con cui si balla ci può “insegnare” qualcosa, e in più, come in cucina cambiando un ingrediente cambia il sapore, allo stesso modo una combinazione di ballerini può dar luogo ad un’alchimia particolare sfociando in un’esperienza unica. Cambiando partner occorre adeguarsi alle esigenze dell’altro, capire quali sono i suoi limiti e le sue virtù; per l’uomo riuscire a percepire la differente distribuzione del peso del corpo della donna rispetto alla ballerina abituale (se la si ha); per la donna riuscire a cogliere i piccoli segnali, sempre diversi, che le dà l’uomo. Per chi si avvicina al Tango, o come spettatore o per imparare a ballare, è molto difficile avvertire le differenze di stile. I gruppi di Tango, il tempo, l’esperienza, le ore passate a ballare in pista, i differenti luoghi di Tango visitati, le persone con le quali si balla e i diversi insegnanti coi quali si apprende a ballare, vanno via via arricchendo la propria conoscenza. Con questa progressiva conoscenza del mondo del Tango, si affina la capacità di osservare e si comincia ad apprezzare differenze e variazioni che prima non si notavano. Gradualmente si comincia a riconoscere una diversità negli stili. Oggi c’è una grande discussione sugli stili del Tango. Il problema delle discussioni fanatiche sugli stili di Tango, sta nel fatto che a volte sono proprio le persone con meno esperienza a prendere partito in maniera superficiale. La cosa certa è che il tema non è di vitale importanza per chi è appena agli inizi. Non si deve fare confusione fra gli stili del Tango, intesi come quei modi di ballare il Tango che si sono man mano stabilizzati, con lo stile personale che ognuno acquisisce nel ballo. Il proprio stile personale non è influenzato solamente dal maestro con cui si è imparato. I maestri indicano un cammino, ma esistono altre variabili che influenzano il proprio modo di ballare: personalità, abilità, senso musicale, attitudini, caratteristiche fisiche, sensibilità, gusti, affinità, cultura estetica; questi sono gli aspetti che plasmano, non solo lo stile di Tango che si balla, ma anche il proprio stile come persona. È difficile raggiungere un proprio stile personale senza essere passati attraverso un’esperienza ricca di pratica, di apprendimento, e di frequentazione di milonghe. Una cosa è imitare lo stile di un maestro, altra cosa è acquisire un proprio stile personale. Ma lo stile personale si costruisce con il tempo e con l’esperienza. È come la costruzione di una casa: dobbiamo cominciare dalle fondamenta. Gli abbellimenti, le decorazioni verranno in seguito. Nessuno può collocare i quadri prima di aver costruito le pareti. Per questo sono importanti buone e solide fondamenta. Dunque, quando si discute di stili o 29 modi codificati di ballare il Tango (milonguero, fantasia, da salon) si tende a considerarli come qualcosa di statico, come se da quando si inventò il Tango, fossero già stati chiaramente definiti. Così come ogni ballerino costruisce il suo modo di ballare con gli anni, allo stesso modo gli stili che si sono andati codificando non sono stili creati e imbalsamati una volta per sempre. Sono il frutto di laboriose costruzioni di arte popolare collettiva, che si trasformano nel tempo. In un’epoca in cui prevale il Tango da spettacolo, i grandi maestri possono venire da lì. Poi può arrivare il tempo in cui cominciano a fiorire le milonghe e alcuni maestri nascono in questi spazi. A loro volta questi differenti stili si mescolano, si modificano, crescono, si consolidano e allora quello che crediamo essere uno stile autentico dalle origini, in realtà non è che una trasformazione nel tempo e nelle persone, il che non lo fa meno vero. In generale gli stili nascono dalle modificazioni originate dai valori culturali e dalle condizioni sociali degli ambienti dove si balla. Nelle tappe di consolidamento del Tango, il modo di ballarlo subisce importanti cambiamenti. Tango-milonga o Tango-fantasia? Il Tango-milonga e quello fantasia sono i due tipi di Tango in cui si divide il Tango rioplatense. Il Tango-milonga o “de salon” è quello meno conosciuto in Italia e in generale all’estero ma più ballato nella realtà platense, dai vecchi milongueros; è più semplice del Tangofantasia in quanto a differenza di questo non usa figure esagerate, da spettacolo. Il Tango-fantasia è nato per il palcoscenico, per l’esibizione e per questo motivo è più conosciuto all’estero dove si vede più spesso negli spettacoli. Per ballare il Tango-fantasia è quasi impossibile usare l’improvvisazione, le figure sono complesse e richiedono preparazione fisica e spazio, proprio per questo nelle milongas (le sale da ballo dove si balla esclusivamente il Tango) non si può ballare, o meglio non si riesce a ballare; per questo è meglio dedicarsi al Tango-milonga, dove conta più l’abbraccio delle figure complesse e dove si balla per se stessi e non per il pubblico. Difficilmente chi balla per intimo piacere ama esibirsi in pubblico, lasciando ad altri il compito di far divertire. Il ballerino milonguero balla il Tango perché per lui è una esigenza, un bisogno oltre che un piacere. Guidato dalla passione cerca di volta in volta di migliorarsi con la convinzione che ogni volta potrebbe essere la più bella di tutta la vita, ma non (e questo è bene sottolinearlo) dal punto di vista coreografico, ma dal punto di vista dell’emozione che si può vivere. Ma ballare in una milonga non è una cosa così scontata. La milonga è un luogo molto particolare nella quale c’è un codice di comportamento da rispettare. A livello personale vige la regola (anche se ormai non del tutto rispettata) che sia l’uomo ad invitare la donna, ma non a parole, ma con un gioco di sguardi e cenni. In pista occorre muoversi in senso antiorario e rispettare gli intervalli delle tandas, cambiando partner. 30 La milonga è un luogo magico dove ogni ballerino riesce a vivere la propria intimità e il proprio Tango anche in mezzo a tante persone; l’opposto del palcoscenico luccicante dove il Tango diventa del pubblico e il piacere viene sempre dopo il dovere. La particolare situazione socio-economica che sta vivendo l’Argentina ha fatto sì che molte “milongas” siano state chiuse; ciò ha permesso un ritorno dei ballerini nelle strade, vuoi perché non ci sono “milongas”, vuoi perché non ci sono soldi. Ma il ritorno dei ballerini nelle piazze molto probabilmente è anche un modo degli argentini per cercare di incentivare il turismo con l’arma più genuina e originale: la tradizione del loro paese, l’espressione della loro cultura. I ballerini Ballare il Tango presuppone un apprendimento e un codice. Occorre imparare a tenere i piedi ben appoggiati al suolo, soprattutto a livello degli avampiedi; tenere il torso ben dritto con le spalle molto aperte (soprattutto le donne); la posizione di tutto il corpo deve essere leggermente inclinata avanti ma senza sbilanciarsi, quindi in perenne tensione muscolare; le guance destre nel Tango milonguero sono a contatto. Fondamentale il ruolo dell’uomo e anche molto difficile in quanto egli deve ascoltare la musica, sentire i segnali della donna, controllare lo spazio disponibile agli spostamenti e in base ad esso creare la sequenza sempre in accordo con la musica. Dal canto suo la donna deve interpretare il pensiero dell’uomo per cercare di seguirlo nella maniera giusta, in più deve capire quando l’uomo le concede lo spazio per creare e sfruttarlo; è per questo motivo che spesso nelle “praticas”, che sono delle specie di scuole di ballo, dove lo scopo principale è migliorare la propria tecnica e il proprio stile e apprendere durante l’esecuzione, le donne vengono fatte ballare con le donne e gli uomini con gli uomini. La donna nel ruolo dell’uomo capisce e fa suoi i segnali della “marcas”, per poi seguirli con più facilità; l’uomo impara a seguire e quindi a capire l’attesa della donna e le sue difficoltà. Tra le qualità fondamentali di un ballerino di Tango ci devono essere eleganza, classe e portamento. Perché il Tango è eleganza e classe, e contrariamente a quanto molti pensano è sicuramente voglia di vivere e gioia. A livello storico sono molti i nomi dei ballerini famosi che hanno fatto la storia del Tango, uomini e donne che hanno fatto del Tango il più grande fenomeno platense esportato in tutto il mondo: tra tutti è bene ricordare anche Tito Lusiardo con Beba Bidart e la coppia Juan Carlos Copes e Maria Nieves che nel 1951 al “Club Atlanta” 31 fondarono una sorta di scuola dove si ballava ma si insegnava anche il Tango. Copes si esibisce ancora con la figlia ventunenne Johana, con la quale ha fondato la compagnia di ballerini e musicisti: “Copes Tango Copes”. Molti sono anche i ballerini di oggi, stimati e apprezzati nel mondo. Il Tango oggi Diversamente a quanto è successo per alcune danze, che dopo essere salite alla ribalta si sono perse nel nulla, il Tango ha fatto la storia dei balli di coppia e continua a farla. Dal 1908 in Argentina si organizzano competizioni di Tango, ma quando in Europa si iniziò a pensare di organizzare delle competizioni che comprendessero anche questo ballo, nessuno si prese la briga di andare ad indagare nei paesi di origine quello che era il vero Tango; nacque così una nuova forma di Tango detto internazionale, standardizzazione del Tango europeo già molto diverso da quello platense. Dal 1996 i balli standard (tra cui il Tango) e quelli latini sono entrati nelle competizioni olimpiche, ma il Tango aveva già una risonanza mondiale. Tango per chi? Imparare a ballare il Tango non significa solo apprendere la tecnica base, ma entrare a far parte di un universo “alternativo”, nel quale contano più gli “oggetti” caratteristici, i comportamenti che possono sembrare démodé; ma soprattuttto occorre liberarsi dalle catene e dai vincoli imposti dalla nostra società, per lasciarsi trasportare dalla musica. Occorre diventare un tuttuno con il partner, interagire e fondersi in un unico corpo. Le persone rigide, che difficilmente tendono a lasciarsi andare, troveranno forti difficoltà nell’avvicinarsi a questa danza che sa essere complicata ma allo stesso tempo semplice, perché il vero Tango si balla con il cuore. A questo proposito vorrei citare una Lettera aperta alla gente del Tango scritta da Tete Rusconi, uno dei grandi vecchi milongheri molto conosciuto a Buenos Aires e in tutto il mondo per la sua opera di insegnamento e diffusione del Tango. Nelle sue parole c’è un senso di allarme giustificato che riguarda il modo di ballare il Tango disinteressandosi di quello che c’è dietro, della musica per prima e della tradizione, perché ognuno deve fare del Tango qualcosa di personale ma in accordo con musica e tradizione, per viverla veramente: 32 L´11 dicembre 1998 si festeggia, qui a Buenos Aires, il Giorno Nazionale del Tango: in questo giorno chi vi parla si rivolge con il più grande affetto e rispetto a tutti coloro che su questa terra hanno imparato, in un modo o in un altro, ad amare il tango tanto quanto noi lo amiamo. Io, Tete, vorrei che voi poteste ballare il tango nel modo migliore, per trovare soddisfazione in una musica che è così piena di passione. Il tango è un sentimento: non è difficile imparare a ballare, ma allo stesso tempo non è facile. Però non si ballano figure o passi, si balla la musica. Non conosco ballerino o posto al mondo che abbia ballato senza musica. Non si può restare nell´equivoco così a lungo: in questo modo non imparerete mai a ballare. Siete voi a scegliere i maestri e i professori da invitare. Provate a vedere il tango da un altro punto di vista: provo a spiegarmi. Il tango è e sarà sempre musica, imparare a camminarla, ad ascoltarla, a sentirla, fino a che si trasformi in qualcosa di proprio, da cui non ci si può più staccare. Da questo momento ogni persona, ogni ballerino prenderà il suo stile, uomini e donne. Basta quindi con gli imbrogli; non comprate modi ripetuti, comprate il tango. Perché non andate di più nelle milonghe di Buenos Aires? Perché lì la gente milonguera veramente balla: sono loro che hanno insegnato a ballare alla generazione attuale. Adesso la strada che si è intrapresa sembra essere un´altra, che fa apparire un tango diverso, un tango cammuffato. Per il bene del tango e per il bene di tutti, con il cuore in mano vi dico, signori, ballate la musica. Perché la musica è il tango! Tete Rusconi Conclusioni “Se sei malinconico, il Tango accarezza dolcemente la tua malinconia, se sei allegro è la colonna sonora giusta per proiettare sugli altri la tua allegria. Il Tango sei tu. Sono i tuoi sentimenti, gli stati d’animo, le tue gioie o le tue tristezze a definirne il colore e il 33 significato. Un brano dalle cadenze ampie e dal ritmo particolarmente lento può sembrare a te malinconico e nostalgico e a un tuo amico caldo, intrigante e ricco di sensualità. Quale delle due impressioni è la più vera? Tutte e due, perché il Tango è fatto così. Entra nel cuore passando dal canale aperto in quel momento e ne assume la natura”. In questo commento di Astor Piazzolla c’è l’essenza di una musica che va al di là della semplice funzione di accompagnare i passi di questo ballo famosissimo. Il Tango esalta i sentimenti, cattura l’energia e ha la capacità di fondersi con le sensazioni più intime dell’animo umano. Il Tango è poesia, nelle parole delle canzoni ma anche nel rapporto tra i ballerini; una poesia che si rinnova ad ogni sguardo, ad ogni contatto, e che si evolve ballo dopo ballo. Il Tango è improvvisazione, creazione continua che nasce e cresce nell’animo e si trasmette all’esterno verso chi è abbastanza aperto per riceverlo. La musica del Tango non si ascolta solo con le orecchie ma anche e soprattutto con il cuore, perché è il sentimento a caratterizzare il Tango; il sentimento provato dalle persone che lo hanno fatto nascere; quello dei musicisti che lo hanno fatto crescere; quello dei parolieri e dei cantanti che lo hanno espresso con particolare ispirazione; quello dei ballerini che di volta in volta aprono il cuore ad un partner diverso in quei tre minuti così brevi ma così intensi. Perché il Tango, più di ogni ballo finora, riesce ad esprimere in così poco tempo ciò che siamo realmente, perché non si può mentire, l’abbraccio è così stretto che ci farebbe scoprire subito. Il Tango, con i suoi cento anni e più, si ripropone diffondendosi in Europa, America e Giappone; in una società in cui tutto invecchia rapidamente, in cui tutto viene consumato e passa di moda, il Tango ha saputo riconquistare una centralità, con la sua struggente passionalità e la sua rinnovata attualità. Ci si chiede come e perché questa musica e questo ballo ancora siano capaci di incantare e coinvolgere folle sempre più ampie; perché siano oggetto di studio e di attenzione da parte di registi, scrittori, musicisti, perché gli spettacoli di Tango richiamino un pubblico così numeroso. Forse una delle risposte a questa domanda non facile è che il Tango da sempre è andato controcorrente: ha rotto abitudini, usanze, consuetudini consolidate, e per questo è divenuta trasgressiva, non tanto per l’abbraccio della coppia, quanto per la stranezza e complicazione dei passi che escono fuori da ogni regola. Il Tango è infatti l’incontro tra: la melodia sentimentale e la forza dell’habanera; le coreografie che caratterizzano la milonga; il ritmo del candombe. Il Tango, pur se collocabile, come in genere le danze popolari, all’interno di uno spazio e di un tempo definiti, è il frutto dell’incontro di tradizioni musicali provenienti da più continenti. Il tango non si esaurisce nelle regole studiate, nei passi imparati, ma la conoscenza delle sue regole è fondamentale, anche se due coppie, nello stesso momento, con la stessa musica possono ballare tanghi completamente diversi nelle figure e nello stile. È facile intuire cosa verrebbe fuori dal confronto tra un tango ballato oggi con lo stesso tango ballato nel passato: sono cambiati gli elementi di contorno, i gusti, tante cose. Non si può paragonare il tango all’inizio ballato tra uomini sull’acciottolato delle vie di Buenos Aires, con quello poi ballato con scarpe “ad hoc” in sale con i pavimenti in marmo. Il tango 34 dunque, pure legato a strutture musicali invariabili, pur avendo figure base che non si sono modificate nel tempo, è un ballo che cambia e si adegua ai tempi. Il tango è anche incontro tra due persone; emergono in questo ballo i nostri caratteri, le nostre debolezze, le nostre energie. In un mondo in cui impera l’individualismo, il tango consente a due persone di abbracciarsi, avvicinarsi, scoprirsi, di vivere un’esperienza comune. Il tango è uno strumento per esprimere sentimenti (dolore, ma anche gioia, senso di libertà). È quasi una confessione che fa scoprire al compagno con cui si balla, i propri difetti, limiti, debolezze. Nella città moderna, che crea spesso difficoltà di rapporto, in cui non esistono modelli d riferimento certi, l’uomo vive oggi momenti di solitudine come quelli vissuti dai nostri emigrati. Il tango quindi come momento di incontro, conoscenza, evasione, oggi come ieri perché l’uomo nel profondo non è cambiato. Il tango, educandoci a rispettare e sentire l’altro, a scambiare con lui emozioni profonde, ci educa ad una comunicazione autentica che aiuta l’uomo a riacquistare una centralità in parte perduta. 35

 

BIBLIOGRAFIA • Meri Lao, T come Tango, Roma, Elle U Multimedia, 2001 • Buenos Aires Tangos, Gennaio-Dicembre 2001 • A scuola di tango, Milano RCS, 2000 • Elisabetta Muraca, Il Tango. Sentimento e filosofia di vita, Milano, Xenia, 2000 • S. Guerra Lisi, G. Stefani, In principio era il corpo, Bologna, Fuori Thema, 1997 • Rémi Hess, Tango, Lecce, Besa, 1996 • Oracio Salas, Il Tango, Milano, Garzanti,1992 • Stefania Guerra Lisi, Il racconto del corpo, Roma, Borla, 1992 • http://www.buenosairestango.com/index2.htm • http://www.elportaldeltango.com.ar/ • http://www.sirenalatina.com • http://ww.team2it.net/barrio/ 36